8 1/2
lunedì 19 novembre 2018

LUNA ROSSA

vedi anche

trailer real video

backstage real video

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

LUNA ROSSA

LUNA ROSSA

LUNA ROSSA

titolo originale:

LUNA ROSSA

sceneggiatura:

scenografia:

paese:

Italia

anno:

2001

durata:

116'

formato:

colore

uscito in sala:

12/10/2001

premi e festival:

Luna Rossa è un racconto di un pentito al giudice.
Un lunghissimo flash-back che fotografa dall'interno, malesseri degenerati da una barbarie familiare, esclusivamente occupata a perpetuare la logica del potere mafioso.
La famiglia Cammararo, fin dall'inizio degli anni '70, mostrando innegabile vocazione per gli affari si è, mano mano, allargata sul territorio, esibendo freddezza, assenza di scrupoli, determinazione, spietatezza di esecuzione e, cosa fondamentale, una violenta coesione tra i suoi componenti.
Arroccata su se stessa, chiusa nella tenuta-fortino, covo impenetrabile, pronta ad agire con un’ accuratezza e prontezza di riflessi esemplari, la famiglia ha costantemente accresciuto il suo potere, fino a diventare padrona incontrastata della zona.
Ma l’equilibrio, costruito su una scala gerarchica e oppressiva, fissa e sempre uguale a se stessa, comincia ad allentarsi.
Le ultime generazioni della famiglia, benché già orientate alla logica della sopraffazione e del pericolo, sentono, in qualche modo il ricatto di una vita che non gli appartiene più. Il peso di uno stile mortuario a cui, tendono istintivamente a sottrarsi.
E basta un semplice gesto di uno di essi che, inesorabilmente comincia un processo di lento smottamento. I labirinti si intasano, gli equilibri sbandano, i rancori rimossi riaffiorano come scogli pericolosi.
Tutto comincia ad implodere all'interno del palazzo e lo sgretola.
Questo ci mostra Luna Rossa.
La vista sul palazzo che frana.
La fine della famiglia per mano di uno dei suoi più giovani rampolli.
Il giovane, il pervertito, il ribelle Oreste. L 'innocente vendicatore e distruttore del "nido marcio, dove noi uccellini nascevamo già con te penne tutte bagnate di sangue… "

(Antonio Capuano)