EFP Cannes
domenica 24 settembre 2017

Pinocchio

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Pinocchio

Pinocchio

titolo originale:

PINOCCHIO

regia di:

sceneggiatura:

Enzo D'Alò, Umberto Marino, dal romanzo di Carlo Collodi, disegni di Lorenzo Mattotti

effetti visivi:

Pascal Vermeersch

produttore:

Antonia Luisa Muccardo, Roebben Anton, Malika Brahmi, Goesens Eric, Nicolas Steil

produzione:

Cometafilm, Rai Cinema, 2d3D Animations, con il contributo del MiBACT, Rai Fiction, Iris Production, Walking the dog

distribuzione:

paese:

Italia/Lussemburgo/Belgio/Francia

anno:

2011

durata:

75'

formato:

colore

uscito in sala:

21/02/2013

genere:

animazione

Il falegname Geppetto si costruisce un burattino da un ciocco di legno e lo chiama Pinocchio.
Non appena però gli mette le gambe, il burattino scappa in strada e viene afferrato da due carabinieri che poi, non capendo il perché della fuga, arrestano Geppetto e lo portano in prigione.
Pinocchio, rientrato in casa, incontra il Grillo-parlante che lo rimprovera per il suo cattivo comportamento. Il burattino, per tutta risposta, lo schiaccia contro il muro e si mette a dormire davanti al camino: il fuoco gli brucia i piedi e Geppetto, liberato dai carabinieri, glieli ricostruisce.
Il falegname si prende cura di lui e decide di farlo studiare. Per comprargli l’abbecedario vende la sua casacca, ma Pinocchio andando a scuola vende il prezioso libro per assistere a uno spettacolo di burattini, dando l’ennesima delusione al povero Geppetto.
Il burattino fa vari incontri, tra i quali Mangiafuoco che inizialmente lo vuole bruciare ma poi, intenerito, gli regala delle monete d’oro da dare al babbo. Lungo la strada, tornando a casa, Pinocchio conosce due imbroglioni, il Gatto e la Volpe, che lo deridono, lo aggrediscono e arrivano a impiccarlo. Fortunatamente però la Fata Turchina lo salva e lo accudisce, con l’aiuto del Corvo, la Civetta e il Grillo-parlante.
Ma Pinocchio continua a non imparare la lezione e si mette nuovamente in pericolo, oltre a dire le numerose bugie che gli fanno crescere il naso.
Segue Lucignolo nell’Isola dei Balocchi e viene trasformato in asino. Quando finalmente riesce a scappare, si tuffa in mare, ma viene inghiottito da un gigantesco pescecane. Nel suo ventre Pinocchio ritrova Geppetto che con la sua barchetta era andato a cercarlo in mare e, naufragato, era rimasto intrappolato nelle viscere del mostro marino.
Pinocchio salva il padre e lo porta fino a riva dove, stremato, si addormenta. La Fata Turchina lo ricompensa, trasformandolo in bambino vero.