Job Film Days

3. Edizione

Job Film Days

quando:27 settembre - 2 ottobre 2022
indirizzo:Strada del Fioccardo 145
IT-10133 Torino
email:info@jobfilmdays.org
sito web:www.jobfilmdays.org
scadenza:15 luglio 2022
modulo iscrizione:Regolamenti sul sito

Job Film Days (JFD), festival cinematografico internazionale dedicato alle tematiche del lavoro e dei diritti dei lavoratori, è nato a Torino nel 2020, in occasione dei cinquant’anni della Legge 300 del 20 maggio 1970, meglio conosciuta come Statuto dei Lavoratori.
Il festival, diretto da Annalisa Lantermo, è organizzato dall’Associazione Job Film Days, il cui principale obiettivo è la promozione di iniziative culturali che – attraverso il cinema – indaghino il tema del lavoro con particolare attenzione per la tutela e il rispetto dei diritti dei lavoratori, la legalità, le pari opportunità, la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.
Il festival si pone come terreno di incontro tra lavoro e cinema. Il nuovo logo celebra questo incontro attraverso il dinamismo della sua forma: nello spazio multiforme e senza limiti del cinema, il lavoro trova un luogo ideale per essere esplorato, problematizzato, raccontato. La volontà dell’associazione e del festival è infatti quella di suscitare interesse e stimolare il ragionamento sulla continua trasformazione della realtà del lavoro restituendo – attraverso la forza espressiva del linguaggio cinematografico – l’urgenza di una riflessione attenta alla contemporaneità fluida che viviamo.
La seconda edizione di Job Film Days presenta al pubblico una serie di eventi speciali a Torino, un evento speciale a Vercelli e cinque giorni di proiezioni al Cinema Massimo. Oltre agli eventi speciali, il programma si articola in cinque sezioni tematiche non competitive e due sezioni competitive: Premio Cinematografico Internazionale Lavoro JFD – INAIL, concorso internazionale dedicato al cinema documentario che racconta i diversi aspetti del mondo del lavoro, e Premio “Job for the Future” JFD – Camera di Commercio di Torino, concorso dedicato ai cortometraggi realizzati nell’Unione Europea da registi under 40 che raccontano i lavori “emergenti” e le sfide del lavoro contemporaneo.