Padrone dove sei (opera seconda)

vedi anche

sito ufficiale

Trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Padrone dove sei

Padrone dove sei

Padrone dove sei

titolo originale:

Padrone dove sei

titolo internazionale:

Master Where Are You

cast:

Salvatore Bello, Matteo Gravante, Francesco Cottone, Julie Seagull

paese:

Italia

anno:

2019

durata:

82'

formato:

DCP/HD - colore

aspect ratio:

16:9

status:

Pronto (14/11/2019)

premi e festival:

Umido affresco sull’atto e la visione masturbatoria. Padrone dove sei. Non urlata ricerca ma implosione tellurica, constatazione di scomparsa, inutile s.o.s. scagliato tra taccuini cartacei, nature protettive, auto spente e nidi dimenticati. Orfani di padroni ormai distanti, corpi scalfiti scovano tane momentanee per solitari coiti da carne animale, bui approdi in cui morire – e trattenere il respiro sino al prossimo naufragio.

NOTE DI REGIA:
Nel Giardino delle Delizie di Bosch e nelle Mirabili Visioni e Consolazioni della Beata Angela da Foligno, le radici di questo film.
Bosch sancisce l’impossibilità di una storia, di una sola storia comune e oggettiva, a favore dell’osservatore-guardone che crea il suo film con i tasselli a disposizione, i corpi seminati senza gerarchie e distinzioni di generi, spiati come nel finale del Salò-Sade di Pasolini: il coito, essendo smontaggio, non può aver progettazione ma solo svergognata esposizione. Angela da Foligno inviscera nelle ardenti parole i cedimenti della sua santità: la compulsiva reiterazione dell’atto e la bramosìa delle stesse immagini, cartacee o mentali, tramutano il pensiero di corpi e parole in forme di carne. Non v’è significato, non v’è concetto, non v’è razionalità, ma un naufragio di pulsazioni in solitari affetti.
Questo film è corpo amputato senza possibilità di riedificazione, è mano che distrugge e si distrugge - come sfinente battito d’ali - sotto un occhio che accarezza le carni attraverso palpebre ansimanti, con sciabolate di profondi bui e gialloaranci liquidi. Strappare la (propria) pelle, succhiare le ossa e masticarne il midollo, ingerirlo e poi vomitarlo sullo schermo, di un vomito spermatico, per farne dono alle anime che si levano dai loro corpi.