Est (opera seconda)

vedi anche

Trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Est

Est

titolo originale:

Est

titolo internazionale:

Adventures Italian Style

regia di:

cast:

Lodovico Guenzi, Matteo Gatta, Jacopo Costantini, Paolo Rossi Pisu, Ana Ciontea, Ioana Flora, Liviu Cheloiu, Ivano Marescotti, Sofia Longhini, Eva Issa Popovici, Iulieta Szomyi, Beatrice Balzani, Ada Condescu, Manuela Ciucur, Dana Voicu, Radu Romaniuc, Liviu Pintileasa, Ioan Peter, Virgili Aionei, Anca Florea

sceneggiatura:

fotografia:

Adrian Silisteanu

montaggio:

scenografia:

Paola Zamagni, Iuliana Vilsan

costumi:

Luminita Mihai

paese:

Italia

anno:

2020

durata:

104'

formato:

colore

uscito il:

05/02/2021

premi e festival:

1989. A poche settimane dalla caduta del muro di Berlino, Pago, Rice e Bibi, tre ragazzi di venticinque anni, lasciano la tranquilla Cesena in cerca di avventura: dieci giorni di vacanza nell'Europa dell'est, verso quei luoghi in cui è ancora presente il regime sovietico. Giunti a Budapest conoscono Emil, un rumeno in fuga dal suo paese a causa della dittatura. L'uomo, preoccupato per la famiglia rimasta in Romania, chiede l'aiuto dei tre giovani. Il compito è portare una valigia alla moglie e alla figlia. Durante il lungo tragitto, tra paesi deserti, ristoranti senza cibo e persone disposte a donare tutto quello che hanno pur di apparire ospitali, i tre raggiungono finalmente la capitale. L'apertura del bagaglio di fronte alla moglie Andra, la figlia Adina di sei anni e nonna Costelia, suscita una grande emozione. Due mesi dopo è quasi Natale. Il telegiornale annuncia la fine del regime di Ceausescu. Pago, Rice e Bibi sono tornati alle loro vite di sempre in Italia.

NOTE DI REGIA:
Quando ho letto per la prima volta le vicende di Maurizio Paganelli, Andrea Riceputi ed Enrico Boschi, ho capito che quella era la storia giusta da raccontare oggi. In un momento in cui una società individualista sembra non avere il tempo per tendere una mano verso il prossimo, è arrivato il momento di fermarsi, fare un piccolo passo indietro e riflettere. [...] L'Italia, come il resto del mondo, finge di non sapere quale sia il passato e il presente dello stato rumeno. Con il mezzo cinematografico è possibile invece, attraverso gli occhi di tre giovani italiani, ripercorrere le strade della storia in una vicenda universale, una metafora su come basti poco affinché il punto di vista cambi. Una visione di come ciò che diamo per scontato ogni giorno, per gran parte della popolazione mondiale, è solo un grande buffet da poter ammirare dall'ultima fila in punta di piedi.