Boia, maschere e segreti: l’horror italiano degli anni sessanta

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Boia, maschere e segreti: l’horror italiano degli anni sessanta

titolo originale:

Boia, maschere e segreti: l’horror italiano degli anni sessanta

cast:

Dario Argento, Jean-François Rauger, Frédéric Bonnaud, Pupi Avati, Jean Gili, Carlo Cotti, Bertrand Tavernier

fotografia:

Giulio Bottini

paese:

Italia

anno:

2019

durata:

75'

formato:

colore

status:

Pronto (25/07/2019)

premi e festival:

Negli anni Sessanta, il cinema horror conosce una stagione di grandi successi in tutto il mondo. Per la prima volta, anche in Italia si intraprende la produzione di piccoli film che hanno però un grande successo in tutto il mondo e che costituiscono una sorta di approccio italiano a questo genere. Con il contributo di alcuni maestri (Dario Argento, Pupi Avati) e di importanti critici francesi si ripercorrono le particolarità e i punti forti di un’idea originale dell’horror, nel quale l’estetica pop e i contenuti trasgressivi hanno un ruolo molto importante, che rende unica questa produzione italiana nel decennio.

NOTE DI REGIA:
Il cinema popolare italiano è un universo ricco di fascino e spesso ancora non esplorato. Raccontare l’horror italiano degli anni Sessanta significa analizzare un percorso produttivo dove la ristrettezza di mezzi finanziari non era vissuta come un limite, ma come una possibilità di sperimentare grandi innovazioni, sia sul piano estetico, sia nei contenuti.