Lockdown Generation

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Lockdown Generation

titolo originale:

Lockdown Generation

produzione:

paese:

Italia

anno:

2020

durata:

90'

formato:

colore

status:

In postproduzione (26/10/2020)

Un gruppo di bambini di diverse nazioni, di età compresa tra 3 e 9 anni, sta crescendo in isolamento tra strade deserte e scuole online. È la prima volta nella storia dell'umanità che si è verificato un evento simile. Come sarà la nostra società dopo il Covid 19? E quale effetto avrà sui nostri figli? Lockdown Generation mostra la realtà in cui vivono i bambini mentre un nuovo mondo sta nascendo. I bambini stessi ci accolgono nelle loro case a Roma, Napoli, Palermo, Il Cairo, Wenzhou, Copenaghen, Boston, Berlino, Tokyo, Barcellona e Hong Kong. Alcuni vivono con un genitore single, altri insieme a genitori che sono stati separati dai cambiamenti causati dall'emergenza Covid. Due di essi sono affetti da autismo e incapacità di apprendimento, esponendo una percezione completamente diversa della realtà. I bambini condivideranno le loro opinioni innocenti su come queste famiglie gestiscono il distanziamento sociale e l'isolamento. Riveleranno ciò che sta accadendo nelle loro città vuote, dove i campi da gioco e l'affetto pubblico sono vietati. Con il manifestarsi dell'attuale crisi globale, è fondamentale documentare gli effetti del distacco e dell'isolamento sociale sui bambini. Se confrontati, i bambini rivelano differenze e somiglianze nella loro vita quotidiana. Le loro abitudini sociali sono cambiate e in che modo? Come sopportano questa nuovo tipo di comunicazione tramite videochiamata? Come reagiscono a questi strumenti tecnologici che hanno effettivamente eliminato qualsiasi contatto fisico? Lockdown Generation è il tipo di documentario che le generazioni future guarderanno sui loro laptop, smartphone e dispositivi ancora da inventare in modo che possano capire cosa è successo, cosa è andato storto e perché. Il nostro obiettivo non è quello di dare una risposta, ma bensì di porre domande e, ciò che è ancora più importante, dare ai nostri figli l'opportunità di parlare delle loro preoccupazioni e speranze.