Tramonto a nord ovest (opera seconda)

titolo originale:

Tramonto a nord ovest

titolo internazionale:

North west sunset border

regia di:

cast:

Giuseppe Saccotelli, Margherita Fantini, Marco Rezoagli, Chaimae Sellak, Leonardo Nigro, Mohamed Bakkal El Idrissi, Gianni Bissaca, Francesca Vettori, Marianella Bargilli, Roberta Lena, Stefano Dell'Accio, Cristina Renda, Massimiliano Zampetti, Mileti Udabotti, Gianluca Gambino, Giovanna Rossi, Viktorie Ignoto, Zeno Verdecchi, Alexandra Camposampiero

montaggio:

scenografia:

produzione:

Fargo Entertainment, Noura, Eloise Films, Swiss E-Motion, con il contributo del Ministero della Cultura, con il sostegno di Region Sud - Provence - Alpes et Cote d’Azur, Film Commission Torino Piemonte

paese:

Italia/Francia/Svizzera

anno:

2021

durata:

90'

formato:

colore

status:

In postproduzione (12/06/2021)

Luca (Giuseppe Saccotelli), un giovane ventenne, stanco della sua vita fin qui e confuso dalla inaspettata ipotesi di paternità, decide di allontanarsi e raggiunge l’amico Paolo (Marco Rezoagli), pastore e astronomo, partito per un alpeggio svizzero con il suo gregge di capre, per guardare insieme le stelle.
Margherita (Margherita Fantini), la sua fidanzata, rimane sola in città ad affrontare un altro viaggio, una evoluzione da giovane ragazza a donna, che vuole e deve scegliere il suo futuro.
Mentre Luca cammina per i boschi, alla ricerca di Paolo, scopre una serie di micro-mondi e di persone che per ragioni diverse sono emigrate, stanno emigrando o semplicemente migrano in una dimensione diversa da sé stessi.
La terra di confine e la ricerca di confini (ovvero proteggersi da un mondo troppo grande), spingono le persone a segregarsi in luoghi protetti, con l’anima sconfinata di chi sogna mondi infiniti.
Il protagonista indiretto, una trota dorata, che muove l’azione del protagonista, lo spinge verso il ritorno alla normalità.
Fanno da contorno alla storia, due profughi che Luca incontra per caso nei sentieri di montagna, Naila (Chaimae Sellak) e Yuseff (Mohamed Bakkal El Idrissi) e la famiglia di Bacci (Leonardo Nigro), che vive in una baita ferma nel tempo vicina al confine.