Gianni Schicchi (opera prima)

titolo originale:

Gianni Schicchi

sceneggiatura:

Damiano Michieletto, dall'omonimo libretto di Giovacchino Forzano per l'omonima opera di Giacomo Puccini

produttore:

produzione:

Genoma Films, in associazione con DO Consulting&production

paese:

Italia

anno:

2021

formato:

colore

status:

In sviluppo/preparazione (23/11/2020)

Prendete “Parenti e serpenti” di Monicelli, immaginate una musica frizzante e incalzante e un gruppo di cantanti-attori in grado di dar vita attraverso il canto ad un gruppo di famigliari avidi e truci: avrete l’opera comica in un atto “Gianni Schicchi” riletta in un set assolutamente contemporaneo.
Il ricco collezionista toscano Buoso Donati, muore improvvisamente a casa sua. Gli avidi parenti accorrono apparentemente per piangerne la scomparsa, in realtà per scovarne il testamento. Una volta trovatolo, scoprono la tremenda notizia: tutta l’eredità è destinata a un vicino convento di frati. Indecisi su cosa fare si affidano a Gianni Schicchi, un furbo faccendiere che escogita un piano: dato che nessuno è ancora a conoscenza della morte del vecchio riccone, ordina che il cadavere venga nascosto per poterne prendere lui stesso il posto e dettare un nuovo testamento. Fingendosi Buoso, Schicchi declina al notaio le sue volontà lasciando i suoi beni più preziosi a se stesso, beffando così il gruppo dei parenti che verranno cacciati di casa a bocca asciutta.