Mami Wata

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Mami Wata

Mami Wata

titolo originale:

Mami Wata

cast:

Heyab Aglione, Cristina D’Alessandro, Gianfranco Gallo, Simona Buono, Vincenza Gallucci, Paolo Ricca, Maurizio Ricca

fotografia:

scenografia:

Monica La Barbera

costumi:

Monica La Barbera

musica:

Sossio Noviello

produzione:

Comune di Contursi Terme (SA) con il supporto di BCC - Banca Buccino e Comuni Cilentani

paese:

Italia

anno:

2021

durata:

8'39"

formato:

colore

status:

Pronto (01/01/2021)

premi e festival:

  • Los Angeles - Italia 2022: The Italian Job
  • International Vesuvius Film Festival 2021: Official Selection
  • Corti in Cortile 2021: Concorso
  • Gold Elephant World - Catania Film Festival 2021: Catania Corto Italiana
  • VIFF - Varese International Film Festival 2021: Cortometraggi
  • Young & Short 2021: Multicultural
  • HIIFF - Heart International Italian Film Festival 2021 Official Selection - Migliore Fotografia, Migliore Giovane Cast, Migliore Montaggio
  • Cinema e Ambiente Avezzano 2021
  • Det Poetiske Fonotek 2021
  • Pompei Street Festival 2021: Point of Wiev
  • London X4 Seasonal Short Film Festival 2021: Official Selection
  • Premio SHINEMA 2021: Concorso
  • Procida International Film Festival 2021: Official Selection - Best Short Drama
  • Sezze Film Festival 2022: Miglior Attore Protagonista
  • Catania Film Festival 2022
  • Metropolis Film Festival 2022

Gaia vive insieme alla nonna adottiva, in una casa rurale. Ha un rapporto speciale con una pianta di gigli bianchi che ha coltivato nel terreno della nonna; ogni giorno si prende cura di lei. Cristina è la figlia di un imprenditore molto potente. È diversa da tutte le bambine. La sua pelle, diafana perché è albina, crea un muro di distanza con la realtà circostante. Quando suo padre, un uomo senza scrupoli, è interessato al terreno della nonna di Gaia, Cristina si ribella. Storia di un’amicizia pura e semplice, Mami Wata prende il nome da una divinità africana, simbolo dell’acqua e della dualità della natura: pura e incontaminata, ribelle e libera.