Alcide De Gasperi il miracolo incompiuto

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Alcide De Gasperi il miracolo incompiuto

Alcide De Gasperi il miracolo incompiuto

Alcide De Gasperi il miracolo incompiuto

titolo originale:

Alcide De Gasperi il miracolo incompiuto

sceneggiatura:

montaggio:

paese:

Italia

anno:

2016

durata:

95'

formato:

colore

status:

Pronto (18/03/2016)

premi e festival:

A poco più di sessant’anni dalla morte, avvenuta il 19 agosto 1954, un omaggio sentito e doveroso a una figura importante, fondamentale, per la politica italiana e non solo. Alcide De Gasperi ha contributo a ricostruire il Paese, nell’arco di una vita vissuta tra dominazione austriaca, due conflitti mondiali e il dopoguerra, una vita terrena terminata ben prima di concludere la sua opera politica in Italia e in Europa. Ripercorriamo la vita pubblica e privata dello statista trentino, fortemente attaccato alle proprie origini e alla propria italianità, sentimenti che lo portarono all’abiura del fascismo e alle dure conseguenze di questa scelta, fino alla nascita della Democrazia Cristiana e al gravoso compito di tenere unito un Paese funestato dalla guerra, dissestato nell’economia e diviso dalla diffidenza e dalle ideologie (con il grande avversario politico dell’epoca, Palmiro Togliatti, duro ma leale, anch’egli come De Gasperi, capace di comunicare alla sua gente). Vita e opere di De Gasperi, tra i padri fondatori della nostra Repubblica, scorrono attraverso il numeroso materiale d’archivio, composto da cinegiornali e filmati d’epoca, fotografie, prime pagine di quotidiani e radiogiornali, e grazie a preziose testimonianze di quanti lo conobbero e lo amarono, ma anche di chi ha raccolto la sua eredità e, ancora, dei tanti altri che lo hanno studiato. Numerose le fonti consultate: fra le altre, l’Istituto Luce, le Teche Rai, l’Istituto Sturzo e la Fondazione De Gasperi. Le immagini e gli audiovisivi sono commentati e arricchiti dalle parole e dai volti di tutte quelle figure che aiutano a comporre un quadro a tutto tondo del politico, dell’uomo. E poi, ancora, altri personaggi con ruoli chiave nel panorama culturale del nostro Paese, come il regista Francesco Rosi, forse ultimo testimone dell’impegno civile nel cinema italiano.