MISSIONE – I poveri nutrono la terra, la terra nutre i poveri

titolo originale:

MISSIONE – I POVERI NUTRONO LA TERRA, LA TERRA NUTRE I POVERI

fotografia:

produttore:

paese:

Italia

anno:

2016

durata:

60'

formato:

colore

uscito in sala:

02/04/2016

Il documentario inizia con la mietitura sulle colline di Tagliavia, a pochi chilometri da Corleone. Le spighe diventano grano. Il grano viene macinato nel mulino. La farina viene impastata e infornata. Il pane viene raccolto nelle ceste e più tardi servirà per sfamare i fratelli, le sorelle e i bambini che vivono nella Missione. Tutto questo succede a Palermo, dove venticinque anni fa, Biagio Conte, lasciò la famiglia, gli agi e le ricchezze per dedicare la sua vita ai poveri.
Una scelta condivisa da un sacerdote salesiano: don Pino Vitrano, che lascia anche lui l’insegnamento in un liceo prestigioso e una comoda parrocchia, per vivere il suo sacerdozio assieme ai poveri, ai malati, ai bisognosi.
Nasce così la MISSIONE DI SPERANZA E CARITA’, una delle più belle, una tra le più rivoluzionarie esperienze verificatesi in questi anni nella città di Palermo. Un esempio da seguire e da imitare, per tutti quelli, e sono tanti, che hanno a cuore gli ultimi, i poveri, i migranti, i senza tetto, chi non ha voce né speranza.
Le Missioni, in realtà sono sei. Tre di accoglienza (quelle di via Archirafi, di via decollati e di via Garibaldi) e tre di lavoro (quelle di Tagliavia, di Scopello e di Villa Pignatelli a San Lorenzo).
Complessivamente ospitano più di mille persone provenienti da ogni parte del mondo: migranti che vengono dall’Africa e dall’Asia, senza tetto, carcerati, malati, senza fissa dimora dai quartieri popolari di Palermo e da ogni parte della Sicilia.
La Missionhe non riceve nessun contributo di soldi pubblici e vive grazie al lavoro dei FRATELLI ACCOLTI, a quello di centinaia di VOLONTARI, uomini e donne, studenti e professionisti, che vi dedicano parte del loro tempo libero, ma soprattutto grazie alla SOLIDARIETA’ della gente di Palermo e della Sicilia, che donano cibo e vestiti, coperte e medicine, e ogni cosa di cui la Missione ha bisogno.
“IL SIGNORE FINO A OGGI CI HA SOCCORSO”, è scritto all’ingresso della Missione di via Archirafi.
E’ questo è l’altro aspetto importante della Missione: la profonda fede che la anima. Una fede non dogmatica, ma vissuta ogni giorno, l’idea che la parola del Cristo non è ipocrisia da recitare, ma impegno costante di vita che si rinnova , e che si pone come un argine a quel sistema di valori dominanti del “consumismo” che sta distruggendo il pianeta e la coscienza di noi uomini.
Il film racconta tutto ciò, e per questo finisce, così com’era iniziato: IL CICLO VIRTUOSO DEL PANE, quel pane, frutto di fatica e sudore, che non serve solo a nutrire il corpo, ma anche l’anima di quella comunità degli uomini che si riunisce in una sacra assemblea, per rinnovare il miracolo dell’eucarestia.