Producers on the Move
lunedì 19 agosto 2019

Possibili rapporti. Due poeti. Due voci

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Possibili rapporti. Due poeti. Due voci

Possibili rapporti. Due poeti. Due voci

Possibili rapporti. Due poeti. Due voci

titolo originale:

POSSIBILI RAPPORTI. DUE POETI. DUE VOCI

regia di:

cast:

Andea Zanzotto, Nelo Risi

sceneggiatura:

fotografia:

montaggio:

produzione:

Vivo film, con il contributo del MiBAC, Regione del Veneto

paese:

Italia

anno:

2008

durata:

52'

formato:

HD - colore & b/n

status:

Pronto (17/07/2008)

premi e festival:

Nelo Risi, classe 1920, uno dei massimi poeti italiani del secondo Novecento, autore di decine di reportage e documentari, di film importanti come Diario di una schizofrenica, torna alla regia dopo quasi vent’anni per incontrare il maggior poeta italiano contemporaneo: Andrea Zanzotto. Al centro del film è il personalissimo e intimo dialogo di due grandi vecchi della cultura europea. Il paesaggio è Pieve di Soligo, in Veneto, il luogo dove Zanzotto è nato e ha trascorso tutta la vita. È l’incontro di due personalità molto diverse, il poeta ermetico e ritirato – Zanzotto, il viaggiatore, che ha sempre sposato una scrittura concreta, legata alla cose del mondo – Risi: i due si conoscono da sempre, ma si sono frequentati poco, hanno scelto di incontrarsi oggi, scoprendosi più vicini di quanto loro stessi avessero immaginato. Il loro incontro assume all’inizio quasi i tratti di uno scontro. Zanzotto è silenzioso, come assorto… Risi si mette in gioco, si scopre, rischia, cerca di stanare il suo amico e rivale da quella ironia sorniona dietro cui si protegge. Poi la conversazione si fa più fitta. Risi e Zanzotto hanno attraversato con le loro vite quasi un seguito, sono stati testimoni e attori di un mondo che si è completamente trasformato, hanno vissuto crisi e svolte ideologiche. Guardandosi in faccia, passeggiando insieme, esprimono le reciproche visioni del mondo dialogando sulla poesia, sull’arte, sul cinema, sulla memoria del passato, sulla morte, ma soprattutto sul futuro e sulla vita.