Per questi stretti morire (ovvero cartografia di una passione)

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Per questi stretti morire (ovvero cartografia di una passione)

titolo originale:

PER QUESTI STRETTI MORIRE (OVVERO CARTOGRAFIA DI UNA PASSIONE)

cast:

Federico Tolardo, Emanuele Buganza

scenografia:

produttore:

produzione:

Gaundri, con il contributo del MiBACT, con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte

paese:

Italia

anno:

2010

durata:

95'

formato:

Betacam - colore

status:

Pronto (14/11/2010)

premi e festival:

  • Annecy Cinema Italien 2011: Compétition documentaires
  • La Biennale di Venezia 2010: Orizzonti
  • Trento Film Festival 2011: Premio "Città di Imola" miglior film italiano
  • Premio Libero Bizzarri 2011: Premio Speciale della Giuria

L’ostinazione, l’eccesso, i patimenti nella vita e nelle opere dell’esploratore cineasta e fotografo Alberto Maria De Agostini (1883-1960) arbitrariamente reinventate. Partito a ventisei anni da un paesino del Piemonte come missionario, raggiunse nel 1910 la Patagonia e la Terra del Fuoco. Scalò montagne, scoprì fiordi ed esplorò ghiacciai dando loro i nomi. Di fronte allo struggimento e al dolore della scomparsa degli ultimi indios, non seppe usare altre parole che quelle impressionate sulle sue lastre fotografiche o sui fotogrammi del suo bellissimo film Terre Magellaniche. Tutto questo finisce in un immaginario e caotico magazzino della memoria, in mezzo a tristi residui accatastati della “civiltà dei bianchi”, dove due ragazzi frugano alla ricerca di tracce dell’artista.