Ward 54

vedi anche

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Ward 54

titolo originale:

WARD 54

sceneggiatura:

Dario Curatolo, Monica Maggioni

fotografia:

Dado Carillo, Greg Brault, Silvio Giulietti, Giuseppe Malpasso

vendite estere:

paese:

Italia, USA

anno:

2010

durata:

63'

formato:

Betacam - colore

status:

Pronto (14/11/2010)

premi e festival:

Kris Goldsmith è un soldato dell’esercito americano. Al suo ritorno dall’Iraq si scopre incapace di fare i conti con quello che ha vissuto. A Baghdad il suo compito è fotografare e classificare i cadaveri iracheni ma di fronte all’orrore di una fossa comune, in lui scatta qualcosa. Ha incubi, continui flashback. Al suo ritorno in America è malato di PTSD (disordine da stress post-traumatico) ma nessuno sembra riuscire a intercettare la sua disperazione. I medici diagnosticano una profonda depressione, ma l’esercito gli ordina di ripartire per l’Iraq nonostante la sua richiesta di congedo. Durante la cerimonia del Memorial Day, Kris tenta il suicidio. Il suo è un racconto lucido, una denuncia nei confronti di un’America pronta a mandare i soldati in guerra ma non disposta a fare i conti con il trauma di chi torna. Kris viaggia attraverso gli Stati Uniti fino a casa dei Lucey, I genitori di Jeff, un marine che si è suicidato al ritorno dall’Iraq. Il racconto straziante di Kevin, il padre di Jeff, riporta Kris al momento in cui lui stesso ha tentato di togliersi la vita. Le storie di Kris, di Jeff e degli altri protagonisti di Ward 54, rivelano la realtà vissuta oggi da molte famiglie americane. Negli Stati Uniti ogni giorno, secondo “Arm Times”, diciotto veterani si suicidano. Nonostante tutto molti militari continuano a non chiedere aiuto temendo di essere isolati o di subire ritorsioni dall’amministrazione militare. Kris Goldsmith ha testimoniato davanti al Congresso e ora combatte una battaglia contro l’amministrazione militare che rifiuta di congedarlo “con onore” a causa del suo tentativo di suicidio.