Bolgia totale (opera prima)

vedi anche

vedi anche

trailer

clicca sulle immagini per scaricare le foto in alta risoluzione

Bolgia totale

Bolgia totale

titolo originale:

BOLGIA TOTALE

titolo internazionale:

TOTAL BEDLAM

sceneggiatura:

scenografia:

produzione:

Mescalito Film, Oh!Pen, in associazione con Red Post Production

paese:

Italia

anno:

2014

durata:

97'

formato:

colore

uscito in sala:

03/09/2015

premi e festival:

Roma: il vecchio ispettore Quinto Cruciani, alcolizzato e consumatore abituale di droghe, si fa scappare il giovane spacciatore psicopatico Michele Loi, appena arrestato, e si ritrova a un passo dal licenziamento.
Il suo superiore, l’ispettore capo Bonanza, gli dà tre giorni di tempo per ritrovare il fuggitivo, poi sarà costretto a denunciare l’accaduto.
E mentre Quinto si trova ad affrontare difficoltà economiche, malanni e problemi personali, Loi, cercato sia dalla polizia che dal suo ex socio in affari, tenta di organizzare una fuga a Portorico, dove un suo vecchio amico ha aperto un ristorante e gli ha proposto di entrare in società, e di riallacciare i rapporti con Zoe, una spogliarellista albanese muta.
Ma le cose, per chi vive in un mondo come il loro, non sono destinate a finire bene.

NOTE DI REGIA:
Ho sempre avuto una passione viscerale per il noir, per la “crime fiction”, che “non è un genere. È un colore, uno stato d’animo, una sensazione. Il noir più che indicare un genere specifico designa un tono generale, una serie di motivi, un insieme di sottogeneri”.
E mi hanno sempre affascinato le storie di personaggi marginali, di perdenti, sconfitti, di persone che hanno “fallito” secondo gli standard della società. Mi hanno sempre molto colpito e interessato i barlumi di umanità spesso paradossale che sono a volte nascosti in questo tipo di personaggi.
Da queste due passioni è nato “Bolgia totale”.
È la storia di due uomini che sostanzialmente cercano di sopravvivere. Questo era uno degli aspetti che più mi interessavano: raccontare una storia di ordinaria sopravvivenza. Il poliziotto e il criminale, in questa storia, non agiscono per etica professionale, né per soldi o per motivi passionali: combattono contro le avversità della vita, e cercano solo di tirare avanti, di sfangare la giornata, di arrivare alla mattina successiva.
È una storia volutamente semplice ed essenziale, quasi archetipica (nella speranza che, proprio per questo, sia universale e universalmente comprensibile), con toni che vanno dal tragicomico al picaresco al malinconico, e l’intenzione, mentre scrivevo il film e poi lo giravo, era quella di rielaborare in modo personale tutto un immaginario filmico e letterario, quello appunto della “crime fiction”. Con una punta di genuina disperazione che spero resti impressa allo spettatore. Si trattava, nelle mie intenzioni, di prendere due tipici cliché narrativi del genere (ovvero: la guardia e il ladro, lo sceriffo e il fuorilegge, il buono e il cattivo) e di rielaborarli in modo personale – trasfigurandoli nella realtà italiana di oggi, rendendoli credibili agli occhi di un potenziale pubblico di oggi. Ne sono usciti due personaggi profondamente complessi da mettere in scena, e proprio per questo affascinanti, che sono diventati il vero motore narrativo ed emotivo della storia.